Assertività: come usarla per esprimere i bisogni

Stili alimentari disfunzionali come intervenire
Alimenti antidepressivi: come cambiare le abitudini alimentari
10/01/2016
Formazione Professionale Continua
Formazione Professionale Continua (CDP – Continuing Professional Development)
24/01/2016
Mostra tutto

Assertività: come usarla per esprimere i bisogni

Assertività esprimere i bisogni

Assertività per esprimere i bisogniAssertività: diamo una definizione

La parola assertività è spesso sconosciuta ed incompresa. O ne si ignorano significato ed importanza o la si ritiene affare di business man o altre figure appartenenti a mondi quali marketing, politica, pubblicità che hanno interesse a padroneggiarla per “vincere”, “manipolare”, “persuadere”.

Insomma, di certo non deve essere caratteristica di animi gentili e cuori aperti. Qui sta l’errore, mucchi di errori, pertanto a qualunque categoria apparteniate, mi rivolgo anche a voi. Facciamo un po’ di chiarezza.

Ma nel concreto, cos’è l’assertività?

L’assertività è un modo sano, onesto e diretto di esprimere con gentilezza a se stessi e agli altri i propri sentimenti, bisogni, emozioni ed una volta fatto questo, agire di conseguenza. Da questa semplice definizione si apre un mondo. Per comprendere, è necessario fare un passo indietro.

Molte persone, fin da piccole, sono cresciute occupandosi e preoccupandosi costantemente degli altri, di cosa pensassero e provassero i genitori, i fratelli, tutti, e desiderando ardentemente farli felici e sentirsi accettati e amati. Spesso abbiamo dovuto imparare a farlo per sopravvivere e adattarci all’ambiente in cui ci trovavamo e col tempo siamo diventati esperti: esperti intrattenitori, esperti a leggere le emozioni sul viso degli altri. Questa – che è sicuramente una forza e come tale vi invito a usarla – è stata però imparata a caro prezzo. Ovvero, ci siamo messi in coda a tutte le altre cose da fare e bisogni da soddisfare e abbiamo dimenticato noi stessi. Abbiamo perso, a vari livelli, coscienza di chi siamo, di cosa ci fa bene, di cosa desideriamo. Non ci occupiamo di noi stessi perché non sappiamo come si fa, né cosa ci serve. Ci consumiamo nel prenderci cura degli altri perché vogliamo a tutti i costi sentirci amati e importanti. Fino a quando capiamo – la vita ci insegna – che così non va.

In quali casi serve imparare ad utilizzare l’assertività?

Lo sviluppo dell’assertività riguarda tutti, in particolare chi risponde SI a queste domande:

  • Ti capita mai di sentirti non visto o trasparente?
  • Hai il dubbio che alcune tue amicizie o rapporti non siano scambi realmente equi?
  • Ti senti sempre quello che dà nelle relazioni?
  • Hai difficoltà a chiedere aiuto? E quando ti viene offerto l’aiuto tendi a rifiutarlo?
  • Hai la sensazione che le persone che frequenti non ti conoscano veramente?
  • Ti senti spesso in colpa e non all’altezza?
  • Hai perso confidenza con il tuo corpo e non sai leggerne i segnali?

Cominciamo per il momento con queste domande. Consiglio di rispondere con onestà e di fidarsi dell’intuizione (che, ahi, potrebbe essersi atrofizzata negli anni se abbiamo soffocato bisogni e sentimenti a favore di quelli degli altri). La buona notizia è che ci si può lavorare.

Sviluppare l’assertività è come ricominciare a usare un muscolo fermo da tempo. Richiede costanza, dedizione e desiderio.

Il desiderio di riportare equilibrio e armonia nei propri rapporti intimi e non.

Il desiderio di far uscire la propria voce senza sentirsi in colpa né scusarsi subito dopo.

Il desiderio di mostrarsi ed essere visti per chi realmente siamo.

Il desiderio di uscire nel mondo eretti, veri, pieni d’amore e compassione per noi stessi e gli altri.

Cosa vuol dire essere assertivi?

Attenzione, utilizzare l’assertività non vuol dire imporre i propri bisogni, dimenticarsi degli altri, smettere di essere gentili e chiudere il cuore, rinnegare la propria capacità di empatia e la propria sensibilità. Vedremo in un prossimo articolo la differenza tra essere assertivi ed essere aggressivi: sono due cose molto diverse.

Esprimerci assertivamente vuol dire, anzi, usare e affinare empatia e sensibilità in un modo che ci assicura che la stessa cura che desideriamo avere per gli altri non manchi a noi stessi. Che i bisogni miei e tuoi contano allo stesso modo. Che se mi prendo cura adeguatamente di me stesso, posso aiutarti con gioia ed energia. Che se non mi sento rispettato in una situazione, mi amo a sufficienza da uscirne. Che chiedo con gentilezza ciò di cui ho bisogno perché non dubito più di meritarmelo. Perché conosco il mio valore ed il tuo valore. E così via.

Nel prossimo articolo entrerò più dettagliatamente nell’argomento. Vi aspetto lì!

Come ti senti dopo aver letto l'articolo su cosa è l'assertività?

100% 0% 0% 0% 0%

Contatta un Coach a Milano

Nome*
Indirizzo Email*
Servizio richiesto*
Il tuo messaggio
Con l’invio del presente modulo autorizzo il trattamento dei miei dati ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.

Latest posts by Simona Rao | Coach Emozionale & Life Coach (see all)
Simona Rao | Coach Emozionale & Life Coach
Simona Rao | Coach Emozionale & Life Coach
Aiuto le persone a sviluppare l’assertività, a raggiungere gli obiettivi nella loro vita e a costruire una consapevolezza emozionale, insegnando a gestire efficacemente le proprie emozioni.

1 Comment

  1. […] dunque, dall’articolo precedente dove abbiamo visto come usare l’assertività per esprimere i propri bisogni, ampliando la definizione di assertività. Per chi non l’avesse letto, consiglio di andare a […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *